Payment Systems: Digital vs “Old”

È arrivato il momento anche per gli intermediari finanziari, in particolar modo per le banche, di sfruttare la tecnologia per migliorare e velocizzare i processi.

Ormai i colossi hi-tech e Internet tra cui ad esempio: Apple, Google, Facebook, Amazon e Alibaba si stanno attivando per portare le loro idee e innovazioni anche nel mondo della finanza.

Come è possibile per un settore come quello finanziario riuscire a restare valido e affidabile senza accettare le innovazioni e i cambiamenti?

La minaccia è reale.

È evidente che è possibile operare nel business finanziario con costi più bassi, il che significa: margini più alti.

Gli intermediari finanziari devono cambiare prospettiva per non restare troppo indietro rispetto ad un mondo che corre molto velocemente.

C’è la necessità di abbandonare la forte tradizione che pervade il mondo bancario e assicurativo.

Si deve chiarire dunque il concetto di Fintech e provare ad analizzare come può essere implementato.

Il Fintech valutato nel mondo dei sistemi di pagamento è quel processo di innovazione tecnologica che rimodella i “metodi” e gli “strumenti” che i privati utilizzano per spendere, risparmiare e gestire i propri risparmi.

Ha dunque un impatto notevole nella vita quotidiana delle persone, si può infatti constatare come oggi basti uno smartphone per pagare la spesa o il biglietto della metropolitana; il tutto nel modo più rapido e sicuro possibile.

Proviamo per un attimo a pensare ai vari: Google Wallet o Amazon Pay.

Ma cosa sono e come cambiano il modo di trasferire denaro da un soggetto ad un altro?

è una tecnologia basata sull’account Google attraverso il quale si carica un portafoglio virtuale con cui trasferire somme di denaro e effettuare acquisti sia in negozio che online in modo semplice e sicuro tramite smartphone.
Inoltre si può inviare denaro ad altri utenti possessori di Google Wallet o fare una richiesta di una determinata somma ad un altro utente.
Tirando le somme un servizio rapido, sicuro e gratuito.
L’unico inconveniente è la diffusione di tale tecnologia, in quanto il negozio scelto per effettuare acquisti deve aver aderito al progetto.

Successivamente basterà avvicinare lo smartphone ad un particolare sensore (tipo Pos) per effettuare il pagamento.
Il dato più interessante è che questa tecnologia è stata rilasciata già nel 2011 per poi convergere nel 2017 in Google pay.

è invece il sistema sviluppato dal titano dell’e-commerce per consentire pagamenti anche al di fuori della piattaforma Amazon utilizzando solo l’account e la password Amazon senza la necessità di digitare i dati della carta di credito.

Anche in questo caso si evidenzia come la velocità di utilizzo migliori la soddisfazione dell’utente.

Una rivoluzione in tutti i sensi che affonda le sue radici già nel 2011 come nel caso di Google Wallet e che coinvolge tutti i competitors quali: Apple, Facebook, Samsung etc.

Questi colossi hi-tech stanno reinventando tutti meccanismi di pagamento e stravolgendo l’oramai “Vecchio” mondo bancario.

È il momento dunque per le banche di cavalcare l’onda della Digital Trasformation e affrontare la realtà: urge l’esigenza di un cambio di rotta.

Bisogna innovare anche nel campo della finanza e sfruttare le tecnologie per migliorare anzi cambiare totalmente il core business finanziario.

Guardando i dati delle maggiori società americane, che operano nel campo delle analisi e previsioni di mercato, risulta che l’investimento IT globale delle banche è diminuito dal 2015 in poi.

Specialmente post-crisi 2008 le banche hanno investito molto per la compliance normativa.

Nella prospettiva dei sistemi di pagamento l’innovazione rispetto ai sistemi tradizionali è legata alla percezione che l’utente ha dell’utilizzo di tecnologie come quelle sopra descritte.

Il pagamento tramite smartphone sfrutta la tecnologia e la crittografia per dare la sensazione all’utente di consegnare il denaro in maniera fisica con un effetto immediato.

Nel mondo tradizionale della moneta bancaria la circolazione tramite bonifico, giroconto o assegni è lenta e legata al sistema di compensazione.

In conclusione il mondo bancario necessita di uscire dalla propria caverna e sfruttare partnership con aziende Fintech per riposizionarsi sul mercato e rimodellare il proprio business affiancando la propria attività a quella tecnologica e innovativa.

Ci sarà una risposta alla chiamata della Digital Trasformation da parte dei Financial Services in generale?

About the author

Related

Le nuove tecnologie entrano prepotentemente nelle attività finanziare e stanno praticamente rivoluzionando il mondo del trading, della consulenza finanziaria e dell'Asset Management. I grandi istituti finanziari si trovano a competere con nuove startup FinTech affamate e innovative.

La tecnologia Blochchain rivoluzionerà il mondo della finanza, ma per poter capire la reale innovazione bisogna partire dal funzionamento del sistema attuale. Il sistema di intermediazione, la tecnologia, la globalizzazione stanno permettendo questa nuova rivoluzione tecnologica

JOIN THE DISCUSSION